seguimi su Facebook

 

T E S S I T U R E

T E S S I T U R E

L’intento di T E S S I T U R E è intrecciare immagini e parole emergenti da profondità sconosciute, proprio per questo necessarie al nostro vivere quotidiano, e che possiamo imparare a maneggiare per dare più senso al nostro esistere. Così ogni momento può diventare portatore di una magia che riconosciamo secondo la nostra sensibilità. E’ l’eros l’energia "elettronica" che lega questi mondi facendone una realtà percepibile, e il corpo è il suo canale d' espressione principale che dobbiamo tenere aperto e pronto.

 

“Le cose  derivano il loro essere e la loro natura dalla mutua dipendenza e non sono nulla di per se stesse”(Aurobindo 1957).

“Il mondo appare così come un complicato tessuto di eventi, in cui diverse specie di connessioni, si alternano, si sovrappongono, e si combinano, determinando la struttura del tutto” (Heisenberg 1958).

TANTRA in sanscrito significa TESSERE, che allude alle interdipendenze delle cose e degli eventi.   

opere su carta cm 50 x 70  in acrilico e pastelli a olio

vertigine nel mondo

lunedì 5 maggio

Eros è dove ciascuno è entrambi.

O.

Musica sacra

 

lunedì 7 aprile 

"l'assaporamento del rasa - la visione della bellezza - è qualcosa che viene goduto, dice Vìsvanatha, "soltanto da  coloro che ne hanno la competenza": e cita Dharmadatta, secondo cui "nel teatro coloro che sono privi di immaginazione sono come gli oggetti di legno, i muri i e le pietre"

Ananda K. Coomaraswamy, La danza di Shiva

O.

stella danzante

lunedì 3 marzo

Eros è il primo Potere fecondante della mente. Ci emancipa da uno stato noto per generare il Nuovo, ciò che la sapienza iniziatica definisce Androgine.

O.

mana

Lunedì 3 febbraio

Il nome di Iside ha origine onomatopeiche, deriva da is-is, il brusio cosmico. Un’altra gemma di delizia ad arricchire la corona del Sapere.

O.

de-siderio

lunedì 6 gennaio 2014

L’intero Universo è il solo l’accadere delle nostre limitatissime comprensioni. Tutto esiste solo nei termini della nostra facoltà di osservare-vedere, ma vi è l’Oltre, soprattutto l’Oltre…

O.

 

La pratica del dire le cose così come sono, pulite, aiuta a stare nella comunicazione delle cose indicibili, anche a se stessi. E il dire le cose indicibili trasforma il nostro modo di essere nel mondo

C.

nozze sacre

lunedì 2 dicembre

Mi inabisso e respiro appieno le parole a cui affido l’orientamento dei miei azzardi: 

“Colui che  ama abbraccia nell’amata più che il corpo. Abbraccia in lei l’unità da cui è avvolto tutto.”

Eros e religione di  Walter Shubart

O.

 

Insonne come il flusso del tempo è l'amore .

C.

chakras

  

lunedì 4 novembre

Le lacrime di Barbara sono per lei segrete come il rito quotidiano della mia pipa. Un’altra sirena strazia l’aria gridandola. Un uomo lancia ripetutamente un legno che il suo cane insegue ebbro di quel gesto che lo strazia e lo accarezza. Oggi tutto mi graffia il cuore, anche i miei gesti sempre uguali. Lezioni di poetica e dramma.

O.

 

Rispondi anima mistica che alberghi il seme del Sé che produrrà grano per

l' universo intero. Sei tu che mi sussurri da cuore a cuore ? - scrive R.

Bellini.

Ci sono molti mondi intorno all'uomo, e l'uomo può percepirli per una sua

"riconversione" solo se usa gli

"organi" necessari.

C.

ierodula

 

lunedì 7 ottobre

Un attimo ancora.....che tutto sia Potenza.....

O.

 

Lasciamo che gli dei discendano nella nostra vita e in ciò che facciamo ogni giorno.

Rimani in me e io in te

C.

 

danza mistica

 

                                                                                           Lunedì 2 settembre 

Sospensioni del tempo. Improvvisazione. Il caso della circostanza. Danzare la pelle del danzatore.

O.   

 

CON LA LUNA PIENA DENTRO

Il tuo collo è come la torre di Davide costruita a strati,

scrive Salomone per la Regina di Saba, e . . . non destate, non scuotete dal sonno l’amore, finché non lo desideri.

Quando Lui in un occhio aveva ancora il sole, Lei portava già la luna.

Insieme, nei giorni del tempo, facevano il Sole e la Luna.

C.

tao d'acqua

lunedì  5 agosto

Abbandonarsi alla vita..fluire in essa. Ammantarsi del solo esistere e sentire e lasciarsi inebriare.

O.

 

Le Sirene, di notte, in fondo al mare tessono le onde ad una ad una, Loro

sanno cos’è l’amore, sanno che tutto è sacro, anche il profano.

C.

estasi amorosa

 Lunedì 1 luglio

 Quando gli innamorati si parlano 

Attraverso gli alberi 

E attraverso mille strade infelici, 

quando abbracciano l’edera 

come se fosse un canto, 

quando trovano la grazia 

nelle spighe scomposte 

e dagli alti rigogli, 

quando gli amanti gemono 

sono i signori della terra 

e sono vicini a Dio 

come i santi più ebbri. 

Quando gli innamorati parlano di morte

 Parlano di vita in eterno 

In un colloquio di un fine esperanto 

Noto soltanto a Lui.

 Il loro linguaggio è dissacratore,

 ma chiama la grazia infinita

 di un grande perdono. 

                                                     da "Il canto ferito" di Alda Merini

 O.

  

Voglio continuare così, a guardarti negli occhi,

 voglio trasmetterti delle cose,

 qualcosa di tacito passa fra te e me: c’è una sorta di bizzarra tensione, fra

 di noi, una arcana corrispondenza

C.

estasi

Lunedì 3 giugno

Leggi tutto...

T E S S I T U R E conclude il primo ciclo:

 

T E S S I T U R E la galleria visionaria di immagini e parole di Octavia Monaco e Costanza Savini il quattro giugno 2013 ha compiuto un anno. L’appuntamento con T E S S I T U R E continua, anche se da ora la combinatoria di immagini e parole avrà una cadenza mensile, uscendo il Primo Lunedì di Ogni Mese

T E S S I T U R E la natura dei Sensi 

immagini e parole, un viaggio tra reale e visionario, alla ricerca di che cosa c’è "sotto" la nostra pelle e quella delle cose.

sublime

Lunedì 20 maggio 

L’universo sonoro: onomatopea dell’indicibile, enigma dispiegato, infito percepito e inafferrabile… Non appena se ne è provata la seduzione, non si progetta altro che di farsi imbalsamare in un sospiro

Sillogismi dell’amarezza E. M. Cioran

O.

  

NEL VASO ALCHEMICO – DENTRO ALL’ATANOR:

gli ormoni degli alberi. quello che l’uomo sogna. la forza di fuoco. la pratica yogica. dio mi ispira. cristiano. un polverio d’oro. una complicità mistica. un mondo vitale.  curanderia. la casa del cuore. le cose ci vengono incontro. ti porterò con me e tu non ti volterai indietro neppure una volta. le tue labbra nude. il momento presente. vincere, mai stravincere altrimenti si perde. il serpente di luce acciambellato in fondo alla schiena. se vedi con gli occhi vedi solo quello che pensi. l’ombra buia. io non ho  paura . . . ho il divino qui, nel petto. quando le onde emotive vengono inchiodate diventi "l’imperatore". le tue mani esploranti. le magicien

C.  

amore saffico

Lunedì 13 maggio

 

L’inconscio sa tutto.

O.

 

Tutto quello che l'uomo sogna esiste

C.

dedicato

Lunedì 6 maggio

 

Emettere audacemente le note del proprio canto. Non altro compito ci è dato in vita.

 

"Come sempre l’irruzione del divino scompagina un ordine, frantuma le regole, immette nuovi sensi, ma soprattutto separa l’Io dal possesso di sé, dal luogo che si è dato e dalla presenza che in quel luogo la sua ragione dispiega."

Eros e Psiche, Umberto Galimberti

O.

 

Essere un polline d’oro che ubriaca e dà la vertigine, l’elemento dissonante che porta l’equilibrio.

C.

 

omaggio

 

Lunedì 29 aprile

 

Napoli. Coesistenze inaudite. Sacro e Profano a contendersi gli spazi di una contemporaneità arcaica. Sensi storditi.

"Il Bello non è che il tremendo al suo inizio."

                                               Rainer Maria Rilke

O. 

 

Ogni cosa intorno a noi ha occhi, orecchi, naso, lingua, corpo, mente, voce. Tutto è sensibile.

C.

menade

Lunedì 22 aprile

 

Essere posseduti dall’amore, dal proprio Daimon come unica via per uscire dall’oscurità. Eros agisce per generare sé stesso

O.

 

Ogni abbraccio è un mandala, il loro si tinse dell’oro dei pollini e col verdeazzurro della clorofilla degli alberi intorno.

C.

riposo di sibilla

lunedì 8 aprile

 

Al risveglio dal sonno, è accaduto più volte che i nodi si fossero dissolti, che la percezione fosse più tersa e più rischiarate le impressioni . Al sonno spesso mi affido quando la mente si smarrisce e necessita si sedimentino le scorie per lasciare emergere limpido ciò che deve essere.

Incubatio era la pratica delle sacerdotesse che accovacciandosi al suolo porgevano, assopendosi, l’orecchio alle viscere della terra, ai luoghi dell’ Ombra per carpirne e farsi vaso di messaggi oracolanti

O.

 

Quel giorno tutto era in potenza: il grano che germogliava sottoterra, i voli dei cigni selvatici sull’acqua, il dolce amaro delle bacche rosse che Lei teneva in bocca, il succo, la linfa e la delicata fibra vegetale che circolavano nei faggi, e, infine, Lei, che navigava sull’ampia foglia come una creatura vegetale.

In un solo pomeriggio col cuore e coi sensi sentì e girò il mondo intero

C.

cavalcatura

Lunedì 1 aprile

 

Ci sono giorni che nascono accesi di una furia ineludibile che solo che il gesto, il graffio, lo strappo del foglio addomesticano.

Attraverso il creare l’impeto sovrabbondante si sostanzia, si legittima e genera sé stesso trasmutato in nuovo corpo.

O.

 

a P. perché non esiste una sola verità, la sola possibile per noi è da cercare nelle cose che sono intorno, sotto la nostra stessa pelle. La trama nascosta infatti è sempre più vera, è sempre più forte di quella manifesta.

C.